Antologia critica

1970

GIUSEPPE DE LUCIA

Olves, marzo

«… Nel suo linguaggio, più che i limiti dovuti alla fragilità e alla reattività fisica e chimica in cottura del docile materiale che egli usa, è, soprattutto, la di lui natura ad imporgli un’asciutezza formale senza compiacimenti virtuosistici …

1972

GUIDO STELLA

Olves, dicembre

«Una tensione cosmica si avverte immanente a questa definizione dell’umano, a questa sua affermazione sempre insidiata dall’animalità che guata dalla ombra ed inficia ogni nostra illusione di definitiva pace. Olves Di Prata insiste su questo dissidio tra la classica, apollinea bellezza della forma …

1991

FRANCO CAFFI

Olves, ottobre

«Opere pittoriche maturate nella quiete di una serena e libera ricerca; uscite dai fermenti propri del suo animo di scultore che ha avuto modo sempre, lungo i sentieri della vita, di spiare la pittura …

1992

GUGLIELMO POLONI

Olves, ottobre

«Olves Di Prata trae dal marmo e dalla terracotta figure ieratiche, e le sue formelle raccolgono un momento o l’altro della storia sacra. Certi «pezzi» ricordano i bassorilievi della scultura dell’antico Egitto; altri rievocano nella semplicità delle forme il racconto evangelico reso soprattutto da S. Marco con estrema sobrietà …

1994

FAUSTO LORENZI

Olves, 10 agosto

… Anche se ha partecipato a premi (più volte con successo) e se non sono mancate commesse pubbliche impegnative, come per la decorazione plastica della chiesa di San Fiorano sui Ronchi, vicino alla tomba del cane, spesso Olves ha rinunciato a …

1995

FAUSTO LORENZI

Olves, 26 ottobre

«… Il romanico, la solidità dei nostri primitivi treschi, il Donatello «anticlassico» sono stati alcuni dei suoi riferimenti sulla strada della forma. E la sua pittura negli ultimi anni è stata quasi una continuazione nella scultura, già nella costruzione per …

1995

FRANCESCO DE LEONARDIS

Olves, 10 novembre

«Nella scultura Olves Di Prata è stato interprete autentico e profondo della crisi dell’uomo contemporaneo, non per approdare ad un nichilistico azzeramento di tutti i valori, ma per prospettare, piuttosto, una ricerca di sacralità e di pietà per tutto ciò che …